22
Lug
2011
0

“Cos’è l’utopia per lei, ingegnere?” …i propositi e l’utopia

Beh, ecco…se mi posso permettere il termine utopia è la maniera più comoda per liquidare ciò che non si ha voglia, capacità o coraggio di fare…un sogno sembra un sogno finchè non si comincia da qualche parte…allora diventa un proposito, cioè qualcosa di molto più grande”

Da”Adriano Olivetti. Un’intervista dal futuro” di Marco Peroni e Riccardo Cecchetti, BeccoGiallo editore da ottobre 2011.

Ecco, allora diventa un proposito, cioè qualcosa di molto più grande. Per esempio quello di ascoltare la città, costruirne pezzetti di futuro che è adesso. E poi pensare alla politica come straordinaria occasione collettiva per ripensare alla polis e alla res publica. Gettare le reti e continuare a pescare: idee, energie, passione, fatica, pluralità, dissonanze, discussioni. Raccontare quello che succede, di minuscolo e di grandissimo e quasi sempre tutte e due le cose insieme. Perché spesso nel minuscolo c’è la grandezza delle idee nuove, gli embrioni di futuro che hanno bisogno di essere alimentati, raccontati, conosciuti, condivisi.

E c’è il proposito di continuare il viaggio, quello iniziato un po’ di tempo fa. Raccontato in queste pagine, per lasciare traccia delle tappe, gli incontri, i pensieri, le idee in cui si inciampa se si cammina a piedi nudi, aderendo alla terra e guardando per aria.

Adesso si va in vacanza, almeno un po’. Si tira il fiato e si distendono i pensieri. Poi si torna: con questo sito un po’ cambiato e un po’ più interattivo. Con una bicchierata di buon viaggio visto che meteo e stanchezza  hanno impedito quella di buona fine. Con i compagni di viaggio che nel frattempo si sono conosciuti, hanno  interagito, si sono divertiti e hanno voglia di costruire propositi, perchè hanno voglia di cominciare da qualche parte.  Con il vento che soffia e sta a noi che non si smorzi e non faccia afflosciare le vele. Con il dentro ed il fuori che devono imparare ad incontrarsi un po’ di più. Con l’idea che non esiste utopia, ma devono esistere buoni propositi.

Buona estate, e buon futuro prossimo

ilda

Condividi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • PDF

You may also like

16 marzo 1978. Cominciò così #55AldoMoro
Call me Ismahel, una storia di resilienza
Un’estate italiana: la storia di Hind Lafran